Visualizzazioni totali

domenica 10 settembre 2017

A te Figlio

Quann duorm’ pare nangiulillo suonne meraviglie fate turchine magie e feste dint’ a nangolo e paraviso addò sta mamma toja. 

 Nun te scetà continua a durmì ca papà tuojo veglia pe te, e si dinte o’ suonne t’avissa scetà chiamma a papà nun te scurdà. 

 Sempe a te penso a notte nun dormo e si nu pensiero cattive me vene penza a te e mai chiù me vene. 

 Duorme a papà famme cuntento ca si tu stai buono papà te vo bene e po’ te fai gruosso e io piccerillo tu faje o’ pate e io faccio o’ figlio

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.